Lo smartworking e le priorità di gestione

Come organizzare il lavoro quando #iorestoacasa

La quarantena che tutti noi siamo chiamati a rispettare impone una nuova organizzazione del lavoro.

Noi di GruppoHIVE vogliamo fare la nostra piccola parte per aiutarti a gestire questo cambiamento. Per questo ti mettiamo a disposizione gratuitamente un file per organizzare tutti i tuoi progetti secondo una scala di priorità.

Chiamalo smartwork, telelavoro, lavoro da casa, “faccio quello che posso” oppure “col cavolo che vado in ufficio quando posso fare tutto da qui” o ancora “mi hanno detto di stare a casa ma non posso stare senza lavorare”, il risultato non cambia: molti di noi oggi lavorano da casa.

Che sia l’elastico smartworking o il più classico telelavoro, la pandemia ha portato a lavorare da casa oltre 550.000 italiani.

Il web ci fornisce mille strumenti per poter essere virtualmente presenti sul luogo di lavoro e per poter “fare da casa” quasi tutto quello che dovremmo fare alla nostra scrivania.

Ma qualcosa di diverso c’è.
E noi di GruppoHIVE lo sappiamo bene.

Le nostre api/professionisti sono sparse in tutta Italia (in 2 casi anche oltre confine). Per questo siamo abituati a lavorare lontani e, a volte, senza interazioni giornaliere. Spesso il nostro lavoro ci porta a seguire in più persone più progetti contemporaneamente. Così si creano insiemi e sottoinsiemi di gruppi di lavoro. Chiunque abbia lavorato in un ufficio sa che questo è un incubo.

Nel nostro piccolo, per risolvere il problema, abbiamo creato una griglia condivisa che assegna a ogni progetto una priorità in base a:

  • tipo di progetto;
  • quante persone collaborano;
  • tipo di lavoro richiesto.

Cliccando sul pulsante di seguito potrai scaricare un file fisico, tuo e solo tuo, dove indicare tutto ciò che devi fare.

Rispondendo a una serie di domande genererai per ogni attività un valore di priorità.

Quando abbiamo presentato il file la nostra ape regina ci ha guardato e ha ronzato: “La user experience fa schifo.”

Lo sappiamo: ma quello che oggi crediamo serva non è l’ennesimo sito a cui iscriverti con mille funzioni, ma uno strumento semplice e personale.

Vorremmo fare di più.

Ma tra i progetti da chiudere e i nuovi che in questo periodo stanno arrivando, non possiamo fare molto.

Questo è il piccolo contributo che vogliamo dare alla produttività della nostra nazione.

Perché:
#iorestoacasa
ma anche
#iolavorodacasa
#litaliachelavoranonsiferma
#iocontinuoalavoraredacasa